Girovagando


Quante volte mi son arrampicata lungo via Del Circo Massimo nelle calde giornate primaverili? Camminando a passo lento tra i famosi e rassicuranti pini di Roma so perfettamente in quale punto della strada il profumo delle rose mi raggiungerà, delicato e forte allo stesso tempo; impregna l’aria, sembra quasi entrarti dentro, avvolgerti, sebbene Il cancello d’entrata del Roseto Comunale sia ancora lontano. Adoro questo posto, ci vengo sempre volentieri. La vista dal punto alto del Roseto è bellissima, io non mi intendo di fiori non ho il pollice verde ma so riconoscere la bellezza quando la vedo e questo posto ne è pieno; mi piace venirci per stare ore sotto il pergolato chiacchierando animatamente con le amiche o solo per stare silenziosamente ferma a pensare ai fatti miei con lo sguardo che vaga tra il colorato giardino, il cielo azzurro che si intravede oltre la chioma degli alberi, l’Altare della Patria che emerge in lontananza in tutta la sua magnificenza, il caos della città che si percepisce ma sembra non raggiungermi lassù. C’è sempre un via vai di gente non indifferente, osservatori attenti, coppiette , fotografi dilettanti, bambini e genitori, turisti sparpagliati qua e là…

 

18209727_10209259602113376_921515231_o

Non son brava con le foto ma questa ve la beccate lo stesso! 😛

Ieri ero di nuovo lì, a raccontare alla mia amica le avventure delle mie ultime settimane, gli incontri strambi che faccio, le gaffes immancabili, i disastri che combino. Mi son beccata qualche rimprovero (tipico con lei!!) abbiamo riso molto e ho sicuramente allietato il pomeriggio delle coppie che si son alternate accanto a noi sulla panchina ombreggiata: ad un certo punto ridevano di gusto, senza nemmeno far più finta di non origliare. Ma va bene, in fondo lo so che la mia vita è una barzelletta, il disagio va condiviso e ironicamente affrontato!

Dopo due ore di chiacchiere siam andate in centro per una capatina alla Feltrinelli, adoro girovagare fra gli scaffali anche quando so già cosa voglio comprare. Ogni copertina accarezzata con lo sguardo mi ricorda un autore conosciuto, una storia amata, qualcosa che voglio leggere. Un fiume di parole stampate che faceva il paio con il fiume di parole che pronunciavo io. Chiacchiero un sacco, non so se si era capito!

Me ne son tornata a casa soddisfatta, con il polline soffice e bianco incastrato tra i capelli, con stretto tra le dita un sacchetto dal peso confortante dei nuovi libri che mi stavo portando a casa,il profumo delle rose in fiore ancora nel naso e  il cuore leggero di chi ha passato un bel pomeriggio senza andar nemmeno troppo lontano.

Ah, per colpa mia abbiamo perso il treno – ovviamente- ma dopo tanti giorni di pioggia e nuvoloni neri chi si era accorto che alle sette di sera ci fosse ancora così tanta luce da sembrare primo pomeriggio? Il cielo azzurro mi ha tratto in inganno,son sempre la solita svampita.

Appuntamento al buio


Immaginate una di quella giornate di freddo pungente e cielo terso, in cui nemmeno un nuvola disturba un sole pieno e allo stesso tempo tiepido. Una di quelle belle giornate che solo il mese di dicembre sa offrire. Ecco, in una mattinata così  io e la mia amica ci siamo avventurate per le strade di Roma in cerca del nostro regalo di Natale. Una serie di sfortunati eventi ci hanno accompagnato fino in Feltrinelli. 

Dovete sapere che ,dopo più di 10 anni di amicizia e altrettanti Natali passati assieme,le idee regalo si sono esaurite e anziché vagare in maniera disperata alla ricerca di un qualunque regalo , finendo magari per comprare una cazzata qualunque pur di far scartare all’altra qualcosina, abbiamo deciso di regalarci un appuntamento al buio in libreria. 

Ovviamente non con l’uomo della nostra vita (Ahimè) ma con un libro (che è anche meglio). L’iniziativa di Feltrinelli infatti prevede uno scaffale di libri tutti incartati con stessa carta da pacchi, chiusi con un fiocco di corda, e la scelta sarà di puro instinto, niente autore o titolo, niente copertine che distraggono, solo tre parole a descrivere il libro e una breve descrizione o citazione. E come accade con gli appuntamenti al buio,l’incontro può finir bene o lasciare delusi. 

Onestamente ho girato intorno ai pacchetti per un po’ senza decidermi. Spendere anche 20 euro per un libro di cui non si sa nulla mi lasciava perplessa *animo spilorcio e anche diffidente 😅* ma alla fine abbiamo ceduto e ben due libri son venuti a casa con noi! Nascerà un amore? Non saprei. Approfitteremo di questa occasione per leggere due libri che probabilmente non avremmo mai comprato in altre occasioni, conosceremo due autori a noi sconosciuti che potrebbero diventare i nostri nuovi amici o forse no. Chissà…

Il mio pacchetto promette bene! Siamo fiduciosi. Con gli appuntamenti al buio bisogna lasciarsi andare… Mai partire prevenuti 😄