Parole vive!


22 giorni fa postavo il mio ultimo articolo. Poi silenzio.

Non sono più entrata su WordPress, non ho letto i vostri articoli né lasciato commenti qua e là come mio solito. Non ho più scritto e questo mi è dispiaciuto. E’ stato un po’ come se in queste settimane la mia parte creativa si fosse assentata, messa in un angolo per far spazio ad altro. Accade che la vita al di qua dello schermo ti catturi all’improvviso senza darti tempo di fare altro e quindi la mia vita al di là dello schermo finisce nuovamente in stand by.

Non ho scritto nulla, non avevo tempo; non ho letto libri, ne ho iniziati almeno sei tutti lasciati al secondo o massimo terzo capitolo. La mia mente non elaborava concetti. Gli esami universitari hanno avuto la meglio fino ad oggi. Ora però sono qui per riprendermi quella parte di me a cui tengo tanto, quella creativa-ma-non-troppo, quella che ha sempre qualcosa da dire o comunque qualcosa da scoprire!

E mentre cercavo di levare la polvere dal mio blog, cacciando via l’accumulo di pesante silenzio che questi 22 giorni avevano creato mi son accorta di una cosa davvero bellissima: malgrado io non fossi presente il mio blog non è rimasto vuoto, non era un angolo buio ma vivo! Ho accumulato un discreto numero di notifiche, qualche commento e molti nuovi iscritti(siamo ormai più di 600, ma ci credete?) e questa cosa mi piace. Mi piace perché vuol dire che le mie parole sono vive, che lasciano un’impronta in questo caotico spazio virtuale in cui si rincorrono notizie, novità, pensieri e avatar. Ecco, le mie parole erano lì pronte a raccontare una storia e sapere che hanno tenuto compagnia a qualche viandante solitario o che hanno convinto qualcuno di voi a volerne sapere di più iscrivendosi al sito beh, è una gran notizia!

Ho avuto la conferma che scrivere equivale a lasciare un segno indelebile, in qualche modo le parole arriveranno a chi avrà tempo da dedicargli.

Ora so per certo che ,se anche in queste prossime settimane dovessi sparire fino a nuovo ordine, voi sarete in buona compagnia, qualcosa da leggere lo troverete!

Le parole non hanno scadenza.19415701_10209657325136203_1933152461_n

P.S. La sessione estiva non è ancora terminata per me ma mi posso concedere finalmente qualche giorno di tregua e avevo voglia di fare due chiacchiere in compagnia a mente libera. Passerò a leggervi, statene certi.

Ciao!

 

Annunci

Girovagando


Quante volte mi son arrampicata lungo via Del Circo Massimo nelle calde giornate primaverili? Camminando a passo lento tra i famosi e rassicuranti pini di Roma so perfettamente in quale punto della strada il profumo delle rose mi raggiungerà, delicato e forte allo stesso tempo; impregna l’aria, sembra quasi entrarti dentro, avvolgerti, sebbene Il cancello d’entrata del Roseto Comunale sia ancora lontano. Adoro questo posto, ci vengo sempre volentieri. La vista dal punto alto del Roseto è bellissima, io non mi intendo di fiori non ho il pollice verde ma so riconoscere la bellezza quando la vedo e questo posto ne è pieno; mi piace venirci per stare ore sotto il pergolato chiacchierando animatamente con le amiche o solo per stare silenziosamente ferma a pensare ai fatti miei con lo sguardo che vaga tra il colorato giardino, il cielo azzurro che si intravede oltre la chioma degli alberi, l’Altare della Patria che emerge in lontananza in tutta la sua magnificenza, il caos della città che si percepisce ma sembra non raggiungermi lassù. C’è sempre un via vai di gente non indifferente, osservatori attenti, coppiette , fotografi dilettanti, bambini e genitori, turisti sparpagliati qua e là…

 

18209727_10209259602113376_921515231_o

Non son brava con le foto ma questa ve la beccate lo stesso! 😛

Ieri ero di nuovo lì, a raccontare alla mia amica le avventure delle mie ultime settimane, gli incontri strambi che faccio, le gaffes immancabili, i disastri che combino. Mi son beccata qualche rimprovero (tipico con lei!!) abbiamo riso molto e ho sicuramente allietato il pomeriggio delle coppie che si son alternate accanto a noi sulla panchina ombreggiata: ad un certo punto ridevano di gusto, senza nemmeno far più finta di non origliare. Ma va bene, in fondo lo so che la mia vita è una barzelletta, il disagio va condiviso e ironicamente affrontato!

Dopo due ore di chiacchiere siam andate in centro per una capatina alla Feltrinelli, adoro girovagare fra gli scaffali anche quando so già cosa voglio comprare. Ogni copertina accarezzata con lo sguardo mi ricorda un autore conosciuto, una storia amata, qualcosa che voglio leggere. Un fiume di parole stampate che faceva il paio con il fiume di parole che pronunciavo io. Chiacchiero un sacco, non so se si era capito!

Me ne son tornata a casa soddisfatta, con il polline soffice e bianco incastrato tra i capelli, con stretto tra le dita un sacchetto dal peso confortante dei nuovi libri che mi stavo portando a casa,il profumo delle rose in fiore ancora nel naso e  il cuore leggero di chi ha passato un bel pomeriggio senza andar nemmeno troppo lontano.

Ah, per colpa mia abbiamo perso il treno – ovviamente- ma dopo tanti giorni di pioggia e nuvoloni neri chi si era accorto che alle sette di sera ci fosse ancora così tanta luce da sembrare primo pomeriggio? Il cielo azzurro mi ha tratto in inganno,son sempre la solita svampita.

Procrastinare


If good things come to those who wait, isn’t procrastination a virtue?

Sono la prima ad essersi svegliata in casa. Alle 7e30. Per decenza sono scesa a colazione alle 8e15,è pur sempre Domenica.

Caffè biscotti e poi ero subito operativa. Siamo arrivati all’ora aperitivo ed effettivamente di cose ne ho fatte molte ma nulla di ciò che avrei dovuto effettivamente fare.

images E’ una storia che so già come finirà: perderò tempo fino all’ora di pranzo,cercherò di fare tutto ciò che mi è possibile,svago compreso, e poi mi metterò sui libri presa dallo sconforto e dal senso di colpa, cercando di dare una svolta alla giornata e far sì che la sera mi possa mettere a letto convinta di non essere poi una così brutta persona e quindi essere un pochinino orgogliosa di me.

Comunque pensavo che è vero, procrastinare non fa di me una persona matura e diligente però è incredibile scoprire quante cose si riescono a fare quando si cerca di non farne altre: numericamente le attività completate procrastinando sono sicuramente maggiori rispetto a quelle che nello stesso tempo avrei svolto seguendo i piani e la tabella di marcia.

Lo so ,sembra un discorso elaborato a posta per alleviare i miei sensi di colpa, ma io voglio essere onesta con voi: questo non è un ragionamento scritto per convenienza, io sono fermamente convinta di ciò che ho scritto!

Infatti ritengo che questa mattinata non sia stata propriamente sprecata, ma anzi, ha dato i suoi frutti che certo,non sono quelli che ci saremmo aspettati, ma sono pur sempre risultati dignitosi.

Ora vado, l’orologio fa Tic Tac e mi ricorda che mi resta poco tempo libero prima della resa dei conti pomeridiana!

Scappoooo!

Buona domenica❣

siti

Aprile dolce dormire


Ho scritto poco fa un post con lo stesso titolo ma dal contenuto completamente differente.

Quanto mi era mancato il ticchettare dei tasti sul pc? Chi lo avrebbe mai detto… Gli ultimi post erano stati scritti tramite smartphone, inutile dire che non è proprio la stessa cosa.

Comunque accennavo a uno stesso titolo ma contenuto diverso: era un post per me, per mettere in chiaro due o tre cose con me stessa, sapete quando parlare da soli non basta si inizia con lo scriversi! Fatto sta che alla fine ho eliminato il tutto e la pagina nuova aveva tutto un altro aspetto.

Insomma questo Aprile volge al termine e io effettivamente l’ho vissuto un po’ in Slow Motion come accennavo giorni fa, sono stata in dormiveglia, paralizzata,immobile chissà perché in giornate lunghe e corte allo stesso tempo. Sono successe cose che avrei voluto descrivere,raccontare al meglio, ne sono successe altre che ho scritto e raccontato ma come se non fossi io la persona dietro quelle dita che scrivevano veloci su un touch screen.

Ma ora siamo qui, inutile perder tempo. Mi sembra di averne perso già abbastanza 🙂

1342559053_3905_freedom

Bisogna dar libero sfogo alle parole, è arrivato il momento.

Ho tag a cui rispondere e degli articoli da condividere,per cui tenetevi pronti!

Buona serata eeeh! 😉

 
web

Istantanee a colori🌹


Campi ricoperti di papaveri. Tutto si tinge di rosso. A colpo d’occhio sembra un posto nuovo visto così colorato,intenso. Invece è la strada di sempre,quella che costeggia i campi che nel mese di marzo riacquistano colore e a metà aprile esplodono di corallo.
Mi sono ricordata di quella sciocca canzone i papaveri son alti alti alti e tu sei piccolina… Banale eh?! In realtà mi sono anche ricordata di una me bambina,accucciata ai bordi della solita strada di motagna, da lì si tornava a casa. Stavo cogliendo fiori rossi,un po’ storti. Canticchiavo. O forse qualcuno canticchiava per me….
Strano come tanta poesia, tanto colore possa essere racchiuso in un attimo impercettibile. Nell’attimo in cui posi lo sguardo fuori dal finestrino della macchina e vieni colpita dalla primavera, dalla curiosità,dai ricordi.
Rimani imbambolata, con la bocca aperta in un sorriso dopo aver detto wow ma quando è successo?! Bello  e poi decidi di fare una foto, quando ormai il traffico scorre e il paesaggio ti sfugge via veloce.
Che peccato non essere in grado di immortalare come si deve tutto ciò! Ma che fortuna aver distolto lo sguardo dal monoto a favore del finestrino,Proprio oggi.
Pensieri leggeri per giornate in cui sembrava impossibile trovare tempo per loro.

web

Resoconti domenicali


A volte Ti succedono cose belle,di quel bello che senti dentro e ti cambia per un po’. Niente di speciale agli occhi degli altri però per te conta tanto e non sai come spiegarlo; anzi non vuoi nemmeno dirlo perché hai paura che raccontando,descrivendo o comunque rendendo la cosa concreta per condividerla con altri ne trascureresti una parte fondamentale,perderesti di vista ciò che ha reso l’evento importante per te e non saresti soddisfatta del resoconto. E quindi stai lì a coccolarti per un po’ nel ricordo cercando di fissarlo bene a mente e poi chissà. Magari lo racconterai anche ma quando sarai più lucida,più decisa,meno presa…

Ed a me la settimana è volata via senza rendermene conto; forse perché è iniziata di martedì,o mercoledì per l’esattezza, ed è stata anche un concentrato di cose (parola vaga ma non mi viene in mente di meglio). Nella giornata di ieri mi si sono accumulati post-it del fare cercare stampare rielaborare contattare. E ad oggi ho lasciato il nulla,o quasi. Avevo solo voglia di casa.

Da domani borsa in spalla e si riparte.10406870_1013060662064807_6952029522061523183_n E il tempo per raccontare forse lo troverò,sicuramente inizierò a cercarlo. Ma inizio a pensare che siamo tutti in grado di crearlo 😉

 

 

 

 

 

web

Levatemi tutto ma non il caffè


Buongiorno!!

Dal titolo avrete già capito che oggi  vi parlerò di quello che considero una costante nella mia vita lunatica e imprevedibile: l’amore per il caffè!!

sylvester-coffeeIo bevo l’equivalente di una caffettiera da 4 la mattina, tazza grande e un po’ di latte. Dopo posso dire di essere effettivamente sveglia. Senza caffè non si può stare. Nel corso della giornata però cerco di evitare di berne altri (ma non sempre ci riesco!) questo perchè comunque a periodi alterni soffro di insonnia e la caffeina non aiuta; inoltre sono spesso nervosa,nevrotica di mio e il caffè non fa che accentuare questa mia dolce sfumatura del carattere 😛

Comunque adoro il caffè in tutte le varianti e ne ho sperimentate diverse. Nel portafoglio tengo un chicco di caffè portafortuna, me lo hanno regalato all’Expo a settembre e ho così potuto suggellare questo mio grande amore: un chicco di caffè l’ho visto simbolicamente come un diamante per una coppietta di innamorati. In realtà me ne hanno regalati due ma uno era da assaggiare e quindi sì, me lo sono mangiato ehehehe

Ho bevuto il caffè a Napoli ed il detto il caffè solo a Napoli lo sanno Fare è una realtà: giuro era buono,buono,buono e forse io ero condizionata da questa storia che non puoi andare a Napoli e non prendere il caffè ma oh,era buono davvero troppo. E non so spiegarvi perché era così buono da doverlo preferire ad altri ma lo era. Per cui credeteci!!

Comunque oggi leggevo questo articolo su Il Messaggero dove si parlava di caffè in cubetti: praticamente in Spagna si sono inventati queste caramelle con tot grammi di caffè all’interno,miscelati con integratori e cose varie che dovrebbero sostituire secondo loro la classica tazzina di caffè pomeridiana o post pasti e giovare alla nostra mente.

ORA io dico MA SCHERZIAMO? Il caffè al bar,a casa,alla macchinetta in fondo al corridoio o dove volete non si può sostituire con un equivalente in caramella.

Il caffè per me è sacro, è un rito,è una scusa per ogni occasione: dire ci vediamo per un caffè è trovare un pretesto per rivedere qualcuno e stare ore a parlare in caffetteria con quella tazzina in mano a giocare con lo zucchero rimasto sul fondo; farsi un caffè a casa e perdersi nel tintinnio del cucchiaino fino a che il liquido nero non diventa abbastanza freddo per essere bevuto e nel mentre tu hai riflettuto su chissà cosa,è come se il tempo si fosse fermato per quei minuti; la pausa caffè è una scusa buona per tutto, dallo studio al lavoro, ogni attività può essere interrotta senza remore se c’è il caffè di mezzo.

Insomma il caffè non è solo un piacere è una costante della vita,almeno della mia, ma penso un po’ anche della vostra e non può essere ridotto tutto alla meccanicità e alla velocità di un morso alla caramella.

coffee-animated-gif-13

Io adoro le Alpenliebe al caffè ma non scherziamo, bere caffè è tutt’altra cosa. E’ un insieme di molte altre cose.

Per non parlare del profumo del caffè: quell’aroma inconfondibile che riporta alla mente chissà quanti ricordi. Dai,non ci credo che non avete nemmeno un ricordo o un aneddoto legato al caffè.

Fatto sta che l’America finanzia questo progetto che sembra essere una vera innovazione ed io spero di non scovare mai gente con questi cubetti in tasca o di essere invitata per un caffè e vedermelo offrire seduta stante sul pullman, in stile detto fatto.

Comunque pare sia una vera innovazione adatta alla vita frenetica che conduciamo; vorrei sapere con tutte queste innovazioni che ci fanno risparmiare tempo poi noi con i minuti extra accumulati ma che ci facciamo?! 😛

Ok basta,ho finito l’elogio del caffè; e che la forza del caffè sia con voi in questa pigra domenica!

Buona giornata

web