Caramelle al bacio!


Aula universitaria. Poche sedie vuote, una sessantina di ragazzi e ragazze pigramente prendono appunti. Una sola voce profonda e impostata riempie l’ambiente: il professore spiega la sua lezione. Le enormi finestre affacciano su un cielo grigiastro, si intravedono le prime gocce d’acqua scendere senza convinzione.

Mi brontola lo stomaco e mi ricordo il perché ho sempre odiato le lezioni pericolosamente vicine all’ora di pranzo, quando son ormai passate ben troppe ore dalla colazione! Frugo nella borsa e trovo le mie immancabili caramelle di salvataggio: ne scarto una e l’odore del caffè è subito inconfondibile. La assaporo con trasporto: creano dipendenza queste caramelle alla caffeina, inutile dirlo! Resisto all’impeto di morderla e inizio a gustarla lentamente, per non far rumore.

Ad un certo punto si sente una specie di Smack che vibra nella stanza, un bacio lanciato al vuoto. Taglia l’aria, lo sentono tutti, si sarà sentito fino all’aula XII.

Ebbene sì: mi ci è voluta una frazione di secondo ma poi mi son resa conto che sono stata io! Mi è partito un bacio mentre mi gustavo la miglior caramella della mattinata. D’istinto ho portato la mano alla bocca, volevo ridere ma non potevo. Il prof fa finta di nulla, anche se per un attimo si è distratto guardandosi intorno confuso; qualcuno si volta, io mi sento osservata, mi hanno beccata… Ma faccio la vaga. Rido solo con gli occhi, per non aggiungere altro rumore al frastuono dello schiocco delle mie labbra. La mia amica alza gli occhi al cielo e scuote la testa, leggo il suo labiale “sei peggio di una bambina!”

Ci pensate quanto possa essere rumoroso lo schiocco di un bacio involontario?

Chissà chi ha raggiunto poi; potendo scegliere vi direi anche che a qualcuno lo avrei indirizzato dato che c’ero… Ma questa forse è un’altra storia che vi racconterò poi, forse, chissà.

Direi che, al secondo giorno dalla riapertura del semestre, il mio tentativo di passare inosservata non ha propriamente funzionato. Sentirete ancora parlare di me come quella che di caramelle al caffè ne fece una tecnica di autosabotaggio.

Annunci

Levatemi tutto ma non il caffè


Buongiorno!!

Dal titolo avrete già capito che oggi  vi parlerò di quello che considero una costante nella mia vita lunatica e imprevedibile: l’amore per il caffè!!

sylvester-coffeeIo bevo l’equivalente di una caffettiera da 4 la mattina, tazza grande e un po’ di latte. Dopo posso dire di essere effettivamente sveglia. Senza caffè non si può stare. Nel corso della giornata però cerco di evitare di berne altri (ma non sempre ci riesco!) questo perchè comunque a periodi alterni soffro di insonnia e la caffeina non aiuta; inoltre sono spesso nervosa,nevrotica di mio e il caffè non fa che accentuare questa mia dolce sfumatura del carattere 😛

Comunque adoro il caffè in tutte le varianti e ne ho sperimentate diverse. Nel portafoglio tengo un chicco di caffè portafortuna, me lo hanno regalato all’Expo a settembre e ho così potuto suggellare questo mio grande amore: un chicco di caffè l’ho visto simbolicamente come un diamante per una coppietta di innamorati. In realtà me ne hanno regalati due ma uno era da assaggiare e quindi sì, me lo sono mangiato ehehehe

Ho bevuto il caffè a Napoli ed il detto il caffè solo a Napoli lo sanno Fare è una realtà: giuro era buono,buono,buono e forse io ero condizionata da questa storia che non puoi andare a Napoli e non prendere il caffè ma oh,era buono davvero troppo. E non so spiegarvi perché era così buono da doverlo preferire ad altri ma lo era. Per cui credeteci!!

Comunque oggi leggevo questo articolo su Il Messaggero dove si parlava di caffè in cubetti: praticamente in Spagna si sono inventati queste caramelle con tot grammi di caffè all’interno,miscelati con integratori e cose varie che dovrebbero sostituire secondo loro la classica tazzina di caffè pomeridiana o post pasti e giovare alla nostra mente.

ORA io dico MA SCHERZIAMO? Il caffè al bar,a casa,alla macchinetta in fondo al corridoio o dove volete non si può sostituire con un equivalente in caramella.

Il caffè per me è sacro, è un rito,è una scusa per ogni occasione: dire ci vediamo per un caffè è trovare un pretesto per rivedere qualcuno e stare ore a parlare in caffetteria con quella tazzina in mano a giocare con lo zucchero rimasto sul fondo; farsi un caffè a casa e perdersi nel tintinnio del cucchiaino fino a che il liquido nero non diventa abbastanza freddo per essere bevuto e nel mentre tu hai riflettuto su chissà cosa,è come se il tempo si fosse fermato per quei minuti; la pausa caffè è una scusa buona per tutto, dallo studio al lavoro, ogni attività può essere interrotta senza remore se c’è il caffè di mezzo.

Insomma il caffè non è solo un piacere è una costante della vita,almeno della mia, ma penso un po’ anche della vostra e non può essere ridotto tutto alla meccanicità e alla velocità di un morso alla caramella.

coffee-animated-gif-13

Io adoro le Alpenliebe al caffè ma non scherziamo, bere caffè è tutt’altra cosa. E’ un insieme di molte altre cose.

Per non parlare del profumo del caffè: quell’aroma inconfondibile che riporta alla mente chissà quanti ricordi. Dai,non ci credo che non avete nemmeno un ricordo o un aneddoto legato al caffè.

Fatto sta che l’America finanzia questo progetto che sembra essere una vera innovazione ed io spero di non scovare mai gente con questi cubetti in tasca o di essere invitata per un caffè e vedermelo offrire seduta stante sul pullman, in stile detto fatto.

Comunque pare sia una vera innovazione adatta alla vita frenetica che conduciamo; vorrei sapere con tutte queste innovazioni che ci fanno risparmiare tempo poi noi con i minuti extra accumulati ma che ci facciamo?! 😛

Ok basta,ho finito l’elogio del caffè; e che la forza del caffè sia con voi in questa pigra domenica!

Buona giornata

web