Book Buying


tenor

Grazie a  Elisa sul mio blog si riparla di tag e  in particolare del delicato rapporto donna-acquisto di libri. Domande e risposte a voi!

(Lettura consigliata per chi volesse scoprire qualche curiosità a riguardo, ovvio.)

  1. Dove acquisti i tuoi libri? Ovunque. Davvero. In libreria, banalmente, oppure su un qualunque sito online, che siano legati a librerie o privati, infine citerei mercatini e bancarelle in cui mi imbatto lungo il cammino. Se c’è un posto dove si vendono libri io sicuramente lo troverò.
  2. Hai mai preordinato un libro e nel caso, l’hai fatto in un negozio o online? Preordinato mai che io ricordi, anche perché non ho mai avuto la smania di avere assolutamente un libro subito e prima degli altri.
  3. In media, quanti libri compri al mese? Varia  molto dal periodo e dalle offerte 😛 Se ci sono sconti particolari o trovo qualche libro che cercavo da lungo periodo nei siti di libri usati, beh, difficile non cedere alla tentazione. Comunque leggo molto anche libri prestati da amici, biblioteche o altro per cui alla fine più di un libro o due al mese non compro.
  4. Usi la biblioteca locale? Si, ne ho parlato spesso del mio rapporto con le biblioteche. E’ un ambiente che ho imparato a conoscere da bambina e da allora non ho mai smesso di frequentare. Attualmente sono iscritta a 3 biblioteche differenti!
  5. Cosa ne pensi dei charity shop/libri di seconda mano? Mi piace leggere libri usati e acquistarli. Se son tenuti in buono stato,senza sottolineature a penna o pagine strappate li compro senza problemi. Li trovo convenienti, innanzitutto, e poi mi piace trovare dediche tra le pagine dei libri che leggo o magari qualche vecchio segnalibro, insomma qualunque tipo di segno che indichi il passaggio di un precedente lettore-sognatore. Acquisto soprattutto online i libri usati.
  6. Tieni i libri che hai letto e quelli che vuoi leggere insieme sullo stesso scaffale? No li separo, ho uno scaffale a parte per quelli che devo ancora leggere e li metto in ordine di grandezza o comunque in base a chi me li ha prestati invece tengo nel comodino quelli iniziati ma momentaneamente abbandonati. Sono una precisina, lo so, lo so. 😛
  7. Hai intenzione di leggere tutti i libri che hai? Ci provo. Alcuni libri che ho sono miei acquisti, altri regali ma non è detto che siano tutte letture piacevoli. L’idea è di leggerli tutti ma se una volta iniziati mi accorgo che sono noiosi o non mi piacciono per qualunque altro motivo, beh, rimarranno tra i “non letti”. La vita è troppo breve per leggere libri che non ci piacciono.
  8. Cosa fai con i libri che hai e che pensi non leggerai mai o che non ti piaceranno? Li conservo tutti in linea di massima. Raramente mi è capitato di vendere qualche libro… In realtà compro solo ciò che mi piace e non sbaglio facilmente. Invece i libri che mi regalano li conservo anche se non mi piacciono perché mi spiace disfarmene. Sono un po’ troppo sentimentale?
  9. Hai mai regalato libri? Si molte volte. Ai miei genitori sempre, da sempre, per molte occasioni(compleanni, Natale, festa del papà…) Agli amici idem, mi capita spesso. Però solo se so che è un libro che possa effettivamente piacere o che comunque conosco e reputo quindi adatto per quella particolare persona,altrimenti evito perché non mi piace regalare libri a casaccio tanto per non farsi trovare a mani vuote. Quando regalo un libro c’è uno studio dietro 🙂
  10. Pensi di comprare troppi libri? Non troppi perché una gran parte li prendo in prestito. Compro i libri in base alla necessità del momento e mi reputo anche una brava con il risparmiare: tra offerte, buoni sconto, punti accumulati e ricerche online spesso mi  porto a casa libri a prezzi veramente irrisori 😀 Per cui non ho nulla da rimproverarmi!

Fine del questionare. Lettori lascio a voi la parola! Se volete le 10 domande sono tutte vostre.

Buona giornata.

 

 

Chi è senza peccato…


Buongiorno!

Oggi si parla di peccati capitali, Laura mi ha proposto questo tag che prevede 7 domande a tema peccaminoso,l’idea è di Shioren .

#1 peccato:  -SUPERBIA – Vi siete mai sentiti superiori a qualcuno e in quale occasione?

Risultati immagini per homer simpson are all stupid around me Si qualche volte mi son sentita più intelligente dei miei coetanei, senza farglielo pesare eh, sono una personcina a modo! In realtà perché sono ottantenne nell’animo quindi ho sviluppato una saggezza tutta mia… Ops! Di nuovo la superbia che fa capolino,vedete?! Adesso si sente anche saggia, ma ditemi voi se si può essere così insolenti. 😀

#2 peccato: – AVARIZIA – Siete mai stati attaccati o lo siete ancora al denaro o beni materiali? Con il denaro ho un rapporto strano, nel senso che sono una spendacciona, compro di tutto online, ho le liste Amazon piene di “desideri” da acquistare però allo stesso tempo son parsimoniosa, sempre alla ricerca dell’offerta vantaggiosa, compro solo ciò che realmente voglio e che effettivamente uso. E sì,son gelosissima delle mie cose, a prescindere dal loro valore economico, ma sono molto legata a determinati oggetti come se fossero parte di me 🙂

#3 peccato: – LUSSURIA – Siete mai stati attratti dal sesso al punto tale da dimenticare tutto? Wow, domanda interessante. Beh, penso che a chiunque sia capitato di incontrare quella tipologia di uomo perfetto e bellissimo,col sorriso magnetico che io son solita chiamare Adone: quando ne incontri uno il primo pensiero è “quasi quasi, me lo farei qua seduta stante…” 😛  Ma a parte questi brevi attimi di offuscamento mentale direi che no, non sono una ninfomane e quindi no, non ho mai la mente annebbiata dal sesso a tal punto da dimenticare tutto!

 

#4 peccato: – INVIDIA – Siete mai stati invidiosi di qualcuno? Penso che l’invidia sia uno di quei sentimenti in cui ci si imbatte per forza nella vita, anche involontariamente,fin da piccoli. Importante è non farsi sopraffare e non diventare delle vipere. Crescendo si impara che è meglio impiegare il tempo cercando di ottenere ciò che vogliamo piuttosto che invidiando gli altri, tanto la vita perfetta non ce l’ha nessuno.

 

#5 peccato: – GOLA – Siete dei “peccatori” di gola? Eh oddio, non sono golosa di dolci ma al salato difficilmente rinuncio. Inoltre non sono in grado di fare una dieta e quindi con la scusa che se vesto largo non si nota (mai bugia fu più grande di questa!) io mangio ciò che voglio. Ovviamente non ingurgito cibo come se non ci fosse un domani, so darmi una regolata però difficilmente rinuncio a qualcosa che mi piace,un assaggino lo do sempre se posso.

#6 peccato: – IRA – Siete mai stati ossessionati dal desiderio di vendetta per un torto subito? Ossessionata no ma spesso e volentieri mi son vendicata di un torto subito. Non ripago con la stessa moneta, nel senso che non mi abbasso allo stesso livello di chi mi ha ferita perché se un atteggiamento lo reputo sbagliato io non lo faccio mio, andrei contro i miei principi. Però agendo istintivamente, presa dalla rabbia del momento, sì mi son vendicata a modo mio. Quando invece lascio passare del tempo per me la questione rimane chiusa così, ci metto su una pietra e per me non esisti più. Il torto non lo scorderò mai ma non sento il bisogno di dire altro, fine delle comunicazioni.

#7 peccato: – ACCIDIA – Il male interiore, indifferenza e negligenza verso la vita e verso se stessi, quanti di voi si sono ritrovati a vivere una situazione del genere? (spero nessuno)Risultati immagini per gif tristezza Io in premestruo ho sempre il male di vivere, indifferenza verso me stessa e il mondo! 😛

No ok, tornando seria… Penso che capiti a tutti di vivere momenti in cui non si sta bene con se stessi e ci si lascia andare ma non sono mai andata oltre il limite, è sempre stato solo un momento che non ha generato  conseguenze irreparabili.

6c22e02328b34fa9a4fc1b9c6e56a940

E voi che peccatori siete?? Se volete partecipare il tag è tutto vostro, verrò a sbirciare tra le vostre risposte! Ricordatevi le regole: ringraziare l’ideatrice, usare l’immagine del tag e rispondere sinceramente alle domande. Io ammetto di averla buttata un po’ in caciara in alcuni punti, ma son stata onesta, davvero!! 🙂

E tu cosa fai quando vuoi isolarti dal mondo?


Ieri sera commentando un suo post Snowbetta mi ha posto una domanda interessante “E tu cosa fai quando vuoi isolarti dal mondo?”. L’ho trovata una domanda curiosa, di quelle che non ti vengono poste spesso per cui non hai una risposta già collaudata da dare, devi pensarci un po’ prima di dire la tua.

E così le ho raccontato velocemente della me che cerca di isolarsi dal mondo pur rimanendone saldamente incollata.

Quando voglio restare sola spengo il telefono e può rimanere chiuso in cassetto anche per giorni interi,dipende da quanto tempo io abbia bisogno per rimuginare su qualcosa che mi ha portato a chiudermi a riccio. Isolarsi del tutto non è mai semplice ma spegnere il telefono è liberatorio, nessun trillo, nessuna informazione inutile, nessun messaggio inopportuno né consigli non richiesti,solo il silenzio! Adoro.

Altrimenti quando voglio isolarmi mi metto a leggere; ci sono libri che riescono a catturare del tutto la mia attenzione, mi ritrovo a non pensare ad altro se non alla storia che sto vivendo in quel momento. Siamo solo io e le parole dell’autore,nessun altro. E’ una sensazione piacevole. Inoltre quando leggo non sento rumori, non percepisco le persone che mi circondano, riesco a isolarmi alla perfezione ed infatti un buon libro è la mia via di fuga in diverse occasioni: bus, treni,panchine nel parco,corridoi universitari… Ovunque in qualunque momento. Il mio rifugio portatile.

Aggiungerei anche i film. Per isolarmi dal mondo mi accoccolo sul mio letto,tv, cuffie e dvd. Ho una serie di film preferiti, i miei visti  e rivisti irrinunciabili che mi aiutano a trovare una mia dimensione solitaria. Ho titoli per ogni emozione: che io abbia voglia di ridere, di piangere senza sosta, di sorridere o riflettere non importa, c’è un film adatto ad ogni mia situazione psicologica(se così si può dire). Mi basterà mettere il disco nel lettore dvd e godermi quella sensazione piacevole che solo un film che ami sa dare; non puoi sbagliare, gli attori sono i tuoi migliori amici in quel momento e sai che ti diranno ciò che ti aspetti di sentire!

Infine direi che c’è un solo luogo in cui effettivamente riesco a lasciarmi andare totalmente, in cui l’isolamento è completo ed è casa di mia nonna. Quando vado lì mi sento lontana dalla me stessa di tutti giorni, è come se lasciassi veramente i problemi a casa mia, insieme ai fastidi,al caos e alla routine. Ecco, casa di mia nonna mi permette l’isolamento totale,quello più sincero e rigenerante. Ma ahimè siamo lontane e quindi avviene giusto qualche volta l’anno.

Ed ora viene il bello! Snowbetta ha dato il via allo SnowTag  e per partecipare dovrete solo rispondere a questa domanda “Cosa fai quando vuoi isolarti dal mondo?”. Ci sono giornate in cui non si ha voglia di parlare con nessuno, magari troppi pensieri affollano la testa, qualcuno ci ha dato noia, abbiamo avuto discussioni o semplicemente ci si è svegliati con la luna storta… Insomma voi come vi isolate?

Liberi di partecipare tutti voi che leggete! Io ho detto abbastanza per oggi 🙂

 

Liebster Award


liebster-img

Ho ricevuto diverse nomine ultimamente ma parto a rispondere dall’ultimo tag in ordine cronologico! Mi piacciono i Liebster Award ed era un po’ che non ricevevo 11 domande così, quindi eccomi pronta a rispondere. Grazie  Bianca  !! 

1.Cosa leggevi maggiormente da adolescente?  Thriller e Polizieschi: ciò che trovavo maggiormente in casa, essendo la passione dei miei genitori. E poi i romanzi per ragazze, quei libri da copertine con colori sgargianti e storie di adolescenti come me alle prese con primi amori,amicizie travagliate e qualche problema di troppo.
2.Hai mai riletto un libro che Amavi e l’hai trovato insulso, rimanendo con il dubbio: ma cosa ci avevo visto di così straordinario? Non rileggo libri. Nemmeno i miei preferiti, questo perché penso di avere così tanto di nuovo da scoprire da non aver tempo per rileggere qualcosa che ho già assimilato precedentemente. Ma sicuramente risistemando la libreria spessa mi sono chiesta “perché buttavo soldi così?!” 😛
3.Sarebbe meglio imparare ad “usare” la TV o i giornali d’informazione? Usare la tv, ovvero imparare a conoscere quali sono i programmi validi e quali no, chi ci fornisce vere informazioni e chi fa solo sciacallaggio. Imparare a rielaborare le informazioni e approfondire i concetti e non rimanere davanti ad uno schermo per ore senza mai porsi delle domande, prendendo per buono tutto ciò che ci dicono. Questo secondo me è saper usare la tv. I giornali li vedo più intuitivi: è buona abitudine leggere notizie su testate differenti, ma non bisogna saperli usare,basta acquistarli e dedicargli tempo(secondo me!) invece la tv avrebbe bisogno di una guida pratica all’uso.
4.La posizione più comoda in assoluto per leggere? Gambe incrociate e una parete o spalliera su cui poggiare la schiena! Poi potrebbe essere ovunque: panchina,per terra a casa, muretti,scalinate…
5.Se trovi ricette nei libri che leggi provi a riprodurle? (passa qualche ricetta che ti è piaciuta eventualmente😉 ) Non mi è ancora capitato in realtà ma penso che potrebbe succedere.
6.Sei mai andat* in biblioteca? Com’è stata la tua esperienza? Sì, ci vado da sempre e ne parlo spesso,forse troppo! Sono iscritta da quasi di 15 anni e una volta fatta la tessera non ho più mollato le biblioteche. Le trovo fantastiche: mi permettono di spaziare tra generi e autori sconosciuti, scoprire libri che probabilmente se avessi dovuto comprarli non avrei mai letto e poi mi piace il concetto di “libro alla portata di tutti”. Sono una fan sfegatata delle biblioteche.
7.Credi sia più importante seguire le proprie inclinazioni nella scelta del percorso di studi da seguire o la richiesta del mercato del lavoro? Credo che sia importante prendere coscienza del mondo in cui viviamo ma allo stesso tempo penso che sia impossibile intraprendere un percorso di studi senza avere passione per quella materia,per quel campo, per quello che si andrà a studiare. Il mondo del lavoro è un mondo apparentemente chiuso a noi giovani ma io non me la sono sentita di fare una scelta in base a quello che il mercato avrebbe potuto preferire da me. E’ già dura proseguire gli studi, ci sono rospi da ingoiare e difficoltà da affrontare, non ci possiamo permettere di fare scelte infelici e poi sopportare tutto ciò. Non so ancora cosa farò da grande ma so che ,seppur difficile, la strada che ho intrapreso è quella che mi piace! E questo conta molto.
8. 40° all’ombra in costume da bagno alle Maldive, oppure -10° fuori e tu dentro casa sotto una copertona, infinita fornitura di tè e biscotti e una libreria piena di libri che non hai mai letto provenienti dalla tua wish list? Casa,freddo,biscotti,libri! Assolutamente.
9.Mangiare per vivere o vivere per mangiare? Una via di mezzo?! Vivere solo per mangiare è riduttivo,mangiare per vivere è ovvio.
10.Se potessi partire ora per una qualunque meta, fantastica o reale che sia, dove andresti e perché? Forse in America perché vorrei girarla tutta e scoprire se è davvero come me la immagino,come l’ho scoperta nei libri o intravista nei film.
11.Cosa chiedi a Babbo Natale quest’anno? Non ho ancora deciso in realtà, amo le sorprese! So per certo che non sbaglierà nemmeno quest’anno,mi conosce bene 🙂

Di che mania sei?


Ehipenny ha pensato a me per questo tag dalla tematica insolita: dovrei elencarvi le mie manie,mettere a nudo la mia personalità e vuotare il sacco scrivendo nero su bianco ciò che di più insolito mi distingue dalle persone normali 😛

Scherzi a parte, il tag in realtà consiste in poche e semplici regole scritte da Rosa e sono

  1. menzionare ideatore e chi vi ha nominati,
  2.  taggare 3 persone,
  3. menzionare 3 o più manie che vi riguardano.

Iniziamo pure:

  • Ho la mania delle scarpe chiuse, ovvero, odio vedere piedi che siano i miei o altrui, una vera fobia, per cui indosso sempre scarpe chiuse, che sia in inverno o estate è indifferente!
  • Ho la mania delle mani curate: se ho lo smalto scheggiato anche solo a un unghia su dieci, beh non posso sopportarlo, o lo levo a tutte le dita o devo correre a sistemarlo. Le pellicine da tagliare e lo smalto smangiucchiato mi sanno di disordinato… Le mani sono un bigliettino da visita secondo me e ho una vera mania a riguardo. Comunque la prima cosa che osservo in una persona sono proprio le mani,si potrebbe capire molto dalle mani di una persona.
  • Ho la mania delle email: ovvero non sopporto che si accumulino nella cartella delle non lette e così le controllo costantemente ,elimino quelle che non mi interessano e segnalo come spam quello che non voglio più vedere. Non vorrei perdere email importanti tra la miriade di messaggi che arrivano e Sebbene abbia diversi account li gestisco tutti allo stesso modo, per cui se mi scrivete state pur certi che vi risponderò 😀 (sempre che la vostra posta non finisca in spam per errore)
  • Ho la mania delle matite appuntite: scrivo spesso a mano e quasi sempre a matita perché mi permette di scrivere in maniera più veloce,immediata e soprattutto posso cancellare là dove sbaglio se non ho spazio per le correzioni. Ecco non sopporto dover scrivere con una matita dalla punta arrotondata per cui prima di iniziare a studiare o comunque a scrivere qualcosa io tempero tutte le matite,colorate e non, e le metto in fila sulla scrivania… Poi vengono mischiate e sparpagliate,naturalmente non le tengo come reliquia! Spesso tempero anche quelle altrui se mi accorgo che non sono appuntite(sono invadente,sì, ed anche dispettosa! ma chi mi conosce ormai se ne fa una ragione)
  •  Ho la mania delle gomme da masticare: non devono mai mancare; che siano le sei di mattina o le otto di sera non esco mai di casa senza ciancicare una gomma; è un gesto immediato,appena metto il naso fuori di casa sto già procurandomi una gomma. E non mastico a bocca aperta,odio chi lo fa ,peggio ancora se è pure rumoroso.

Tutto qui, direi che non mi viene in mente altro per ora!

Le mie nomine sono 3 questa volta come da regolamento, la mia scelta cade su On Rainy Days  Londoner18   Il grimorio della strega

se avrete voglia tocca a voi! 😉

A domanda rispondo! 


La mia cara amica di blog Sbadatamentecomplicata mi ha nominata per il Liebster Award 2016. Con questi tag scopro ogni volta qualcosa di nuovo riguardo chi seguo,quindi spero di incuriosire anche voi!

Ecco le sue domande e le mie risposte:

  1. Il film che non ti stancheresti mai di vedere ed il libro che leggeresti all’infinito? Dunque,film dipende dal periodo. Io sono una che ama vedere e rivedere i film preferiti. In questa serata vi direi “Chiedimi se sono felice” di Aldo Giovanni e Giacomo. Con i libri invece non ho lo stesso rapporto,nel senso che ne ho molti di preferiti ma non amo rileggerli,preferisco dedicarmi sempre a nuove letture.
  2. Quale animale vorreste essere? (va bene anche uno estinto) Un gatto.
  3. Qual è il tuo sogno segreto che nessuno sa? Ehehehe non si sa non si sa!
  4. Ti senti realizzat0/a nella vita? Non ancora. Faccio in linea di massima ciò che mi piace ed anche se faticosamente raggiungo i miei obbiettivi ma penso che per sentirmi davvero realizzata manchi ancora qualcosa. Comunque essendo una ventenne penso sia normale essere ancora in fase “lavori in corso”.
  5. Una curiosità su di te, che in pochi conoscono? Leggo le riviste,giornali  al contrario, le sfoglio partendo dall’ultima pagina e retrocedo fino all’indice.
  6. Il libro che non sei proprio riuscita/o a finire di leggere e perché? 1984 di Orwell. Lo so che è il libro preferito di molti,un classico, un capolavoro etc etc però io a pagina 50 già non ne potevo più. Troppo lento mi annoiavo ero affaticata. Forse gli darò un’altra possibilità ma non a breve.
  7. Da piccolo/a sognavi di diventare… una giornalista!
  8. Su un’isola deserta, con chi vorresti essere? (solo una persona mi raccomando) Non so se riuscirei a sopportare qualcuno con me da solo su un’isola…Forse mia sorella,va!
  9. Se si potesse cambiare una tua caratteristica fisica con la bacchetta magica e non col bisturi, cosa cambieresti? Aaaah cambierei un sacco di cose,ho doverse modifiche da farmi. Comunque boh non saprei scegliere,forse vado sull’ovvio ed eliminerei i peli superflui: della serie niente più cerette e pinzette!! 😄 un sogno.
  10. Ti concedono come desiderio di poter realizzare tutto quello che vuoi nella vita, ma devi rinunciare alla realizzazione in un solo campo, cosa sceglieresti di eliminare? Questa è difficile. Tanto. Comunque penso che rinuncerei a modifiche che mi porterebbero alla perfezione fisica. Insomma se posso avere tutto ciò che voglio in altri campi mi posso anche tenere il mio aspetto così come è. 🙂

Voi volete rispondere nei commenti a qualcuna di queste domande? Le mie risposte vi hanno conciliato il sonno? Spero di noooo 😀