Scompigliata(anche dentro)

22 aprile. Cielo azzurrissimo, alberi in fiore, polline che svolazza come se fosse neve, sole pieno… Eppure a stento arriviamo ai 10 gradi. C’è un vento gelido che prepotentemente ci spinge dove vuole lui, sbuffa e soffia senza sosta. Andiamo avanti così da giorni. Eppure non mi dispiace. Ci voleva un po’ di disordine, qualcuno che mi scompigliasse senza chiedere scusa o che mi trascinasse in giro dandomi l’illusione di poter essere sinuosa e leggera come una foglia che ondeggia nell’aria( dopo Pasqua sentirsi portar via dal vento è quasi rassicurante, ci si sente precari e per niente ciccioni).

In realtà la Pasqua non mi ha lasciato solo qualche fetta di casatiello ,briciole di cioccolata e qualche chilo di troppo(ero già partita bella piazzata, diciamolo) … Mi ha lasciata anche malaticcia. Son onesta, I miei anticorpi hanno fatto il loro dovere quindi niente febbre, tosse o raffreddore ma in compenso ero deboluccia, stanca, col mal di testa perenne e poi il mal di ossa. Non ho nemmeno raggiunto il quarto di secolo e ho mal di ossa. Che finaccia gente.

Comunque questo non mi ha impedito di fare ciò che dovevo: mettevo come al solito il naso fuori casa la mattina prestissimo per tornare la sera tardi con la sola voglia di mettermi comoda, nel mentre possiamo metterci tutto ciò che è quotidianità senza che stia qui a elencarvi cose noiose che si sanno.

Il vento come dicevo non ci ha abbandonata mai, fedelissimo, un compagno di viaggio dispettoso e forse burbero ma con cui ormai ,avevo capito, era meglio non discutere. Aggrappata al mio giacchetto passeggiavo a passo incerto, con vento a favore oppure contro (cit.); l’aria era fredda di quella che secca la pelle e raggrinzisce le labbra, arrossa le guance e fa sentire piccoli i brividi lungo il corpo. Portava con sé storie, voci lontane,rumori rubati chissà dove, profumi intensi… E me. Ogni tanto mi piace farmi trascinare come se non fossi io a decidere a che passo andare ma adeguandomi a quello che sembra più opportuno. Si portava via i miei pensieri, il mio profumo, le mie incertezze,il mio malessere passeggero come a volermi spezzettare e dissolvere in giro, pezzo pezzo. Non ho opposto resistenza, mi andava bene così. Sorridevo al vento perché invece questo mi andava. E quando tutto si fermerà, il sole tornerà a far sentire il suo calore e l’aria sarà immobile mi ricorderò di quando tutto era agitazione e movimento e un po’ di questo essere scombussolata lo porterò con me; mi ricomporrò e sarà tutto diverso ma uguale.

Annunci

19 pensieri su “Scompigliata(anche dentro)

  1. Questi giorni così freddi mi hanno fatto pensare che si sia realizzata la mia stagione da sogno. Io che non sopporto il caldo ma nemmeno le giornate corte, io che amo la luce fino a tardi ma non l’afa. Si però tirar fuori il maglioncino pesante a pochi giorni da maggio mi sembra un pò troppo!!!!

    Mi piace

  2. Come sei filosofica 🙂
    A me il vento non piace particolarmente, lo riesco ad apprezzare solo l’estate quando ci sono mille gradi e di inverno quando ho sonno e riesce a svegliarmi!

    Buon weekend 🙂

    Mi piace

    • Filosofica… non so, forse penso solo troppo. Chissà quando cammino in giro se si notano le rotelle che lavorano senza sosta nella mia testa! 🙂 sarebbe curiso saperlo.
      Il vento che riesce a svegliarti quando hai sonno deve essere bello tosto. Sa essere fastidioso, per apprezzarlo bisogna entrarci in sintonia 😀 Buona giornata Cix!

      Liked by 1 persona

  3. Ogni tanto qualche folata di venticello leggero è piacevole tanto poi torna la calma e resta solo il ricordo.
    In estate mi piace particolarmente soprattutto quando la pelle è arrossata e quella brezza lenisce le scottature, poi in riva al mare è fantastico, sembrano carezze di un passante sconosciuto e invisibile.
    Ti sei ripresa adesso dai malanni? Spero vivamente di sì! Forza che ti vogliamo in piena forma!
    Un abbraccione da Affy ❤

    Mi piace

    • Il vento del mare è tutta un’altra cosa! Il più delle volte piacevole, a volte tempesta, ma porta sempre con sé quel sentore di mare e salsedine come a volerti inglobare nel paesaggio, ti entra dentro… Adoro.
      Si si sto bene, grazie. Giusto un po’ intontita ma pare vada meglio. Un abbraccio, buona giornata💕

      Mi piace

    • Ah se hai preso l’antibiotico era grave!
      Io in realtà odio le medicine, non mi piacciono (son caprocciosa) infatti le evito quando posso, aspetto che tutto “passi da sé” almeno che non sia proprio al limite della sopportazione😅 Però non avendo una malattia ben precisa ma solo tanti piccoli sintomi sparsi mi porto appresso questa stanchezza da un po’. Comunque si può dire che va meglio. Tu stai attendo e riprenditi come si deve😉

      Mi piace

      • Demonio ha detto:

        E ma infatti così avevo fatto solo che son arrivato a Pasqua che non era passato nulla ed allora il martedì andai dal medico che mi ha guardato con una faccia come per dire…stai fresco se pensi che passa da sola! 😀

        Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...