Appuntamento al buio

Immaginate una di quella giornate di freddo pungente e cielo terso, in cui nemmeno un nuvola disturba un sole pieno e allo stesso tempo tiepido. Una di quelle belle giornate che solo il mese di dicembre sa offrire. Ecco, in una mattinata così  io e la mia amica ci siamo avventurate per le strade di Roma in cerca del nostro regalo di Natale. Una serie di sfortunati eventi ci hanno accompagnato fino in Feltrinelli. 

Dovete sapere che ,dopo più di 10 anni di amicizia e altrettanti Natali passati assieme,le idee regalo si sono esaurite e anziché vagare in maniera disperata alla ricerca di un qualunque regalo , finendo magari per comprare una cazzata qualunque pur di far scartare all’altra qualcosina, abbiamo deciso di regalarci un appuntamento al buio in libreria. 

Ovviamente non con l’uomo della nostra vita (Ahimè) ma con un libro (che è anche meglio). L’iniziativa di Feltrinelli infatti prevede uno scaffale di libri tutti incartati con stessa carta da pacchi, chiusi con un fiocco di corda, e la scelta sarà di puro instinto, niente autore o titolo, niente copertine che distraggono, solo tre parole a descrivere il libro e una breve descrizione o citazione. E come accade con gli appuntamenti al buio,l’incontro può finir bene o lasciare delusi. 

Onestamente ho girato intorno ai pacchetti per un po’ senza decidermi. Spendere anche 20 euro per un libro di cui non si sa nulla mi lasciava perplessa *animo spilorcio e anche diffidente 😅* ma alla fine abbiamo ceduto e ben due libri son venuti a casa con noi! Nascerà un amore? Non saprei. Approfitteremo di questa occasione per leggere due libri che probabilmente non avremmo mai comprato in altre occasioni, conosceremo due autori a noi sconosciuti che potrebbero diventare i nostri nuovi amici o forse no. Chissà…

Il mio pacchetto promette bene! Siamo fiduciosi. Con gli appuntamenti al buio bisogna lasciarsi andare… Mai partire prevenuti 😄

Annunci

19 pensieri su “Appuntamento al buio

      • Infatti.. io ad esempio nei mei vent’anni leggevo solo i legal thriller di Grisham… col passare degli anni, anche per mancanza di letture. sono diventata una pseudonnivora… ci sono ancora dei generi che non leggo… saggistica, biografie (ho letto solo quella di Verdone e mi è piaciuta, infatti pensavo di catapultarmi su questo ramo), horror. Solo non gradisco molto quando mi si regalano i libri, preferisco un buono in libreria.. si, più squallido scambiarsi una bustina bianca anzicché un pacchetto… ma la “scelta”, la vedo come una cosa intima… un rapporto particolare tra me e il libro. Ok, sono una malata mentale, lo ammetto… me ne rendo conto io stessa. Però, posso dire che adoro le mega librerie capitoline… ma quanto mi manca quella piccola libreria di paese pugliese (l’unica lì da me). Una stanzetta grande quanto un normale bagno di servizio, stracolmo di qualunque libro, messi in maniera totalmente disordinata. Coi libri accatastati in piccole pile anche per terra. Mi sono sempre chiesta come facessero i proprietari a sapere esattamente dove trovare un determinato titolo, in quel marasma… eppure, non hanno mai fatto cilecca.

        Mi piace

      • Ahaha bustarella della serie “accattati ciò che vuoi bella de nonna”.
        Però hai ragione: a me negli anni hanno regalato molti libri, mi piace riceverne anche da chi non legge perché so che per farmi un regalo del genere ha faticato non poco. Però è anche vero che negli anni mi hanno regalato qualche pessimo libro per cui un buono sarebbe stato più gradito in tal caso. Ultimamente le persone che frequento hanno sempre cercato di indagare sui miei gusti, regalandomi libri che avevo in mente di comprare e leggere da tempo per cui nessuna delusione solo immensa gratitudine 🙂
        Io invece non ho una libreria di fiducia, ora poi compro libri anche online quindi sono diventata proprio una pessima persona 😅

        Liked by 1 persona

      • online? che brutta persona. Lì ho comprato solo quelli scritti da mio zio e mia cugina (che non leggerò mai dati gli argomenti trattati), solo per ricordarmi che oro, anche se non hanno avuto successo, ci son state delle case editrici che gli han commissionato il lavoro.. quindi rodermi di invidia.. ahahah. Oppure, anzicché la bustarella, che fa molto mazzetta… creare una wishlist in una libreria e informare tutti, tipo lista nozze… così andrebbero sul sicuro… ahahah

        Mi piace

      • Questa cosa dei libri dei tuoi parenti è bella 😂 Comunque se ce l’hanno fatta loro puoi anche tu! Insisti!! 😉
        L’idea lista nozze io l’ho mezza attuata con Amazon: ho sparso la voce che per gli indecisi sul regalo di Natale io avevo una lista preferiti sul sito e comprendeva tutte cose che non ero riuscita a comprarmi fino ad oggi e potevano sbirciarla. Chissà se qualcuno ha preso spunto 🤔 Io temo di no! Ahahah

        Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...