Ritorno con il mio cipiglio guerrafondaio

A me onestamente non interessa se Quo Vado? sia il film che ha incassato di più nella storia del cinema o se sia quello con più spettatori in assoluto.

A me indigna il fatto che il multisala vicino casa mia, Nota bene MULTISALA non un cinema striminzito di un paesino sperduto del deserto, decida di non proiettare il film Macbeth, tratto dalla tragedia di Shakespeare.

E questo non per fare la solita intellettualoide che vive di documentari, escursioni per salvare le balene, legge tragedie e libri antichi e assume la tipica espressione aristocratica da puzza sotto il naso.

Io per prima guardo film di ogni genere, leggo Fabio Volo se mi capita tra le mani e rido delle battute di Maurizio Battista,che tra l’altro adoro; tra i miei film preferiti ci sono quelli di Aldo,Giovanni e Giacomo ma allo stesso tempo adoro film più impegnativi,libri scritti in un passato ormai quasi dimenticato, perdermi tra le parole di qualche personaggio illustre… E quindi penso che come è giusto potersi svagare al cinema vedendo un film comico-demenziale-umoristico o quello che è sia altrettanto corretto permettere alle persone di scegliere cosa vedere!! Della serie: non occuparmi 8 sale su 12 per Quo vado? senza mettere in programmazione anche altri film, magari di diverso genere, anche più impegnativi.

Onestamente a me non stupisce che un film con Zalone sia visto da così tante persone dopo che in tv vanno ancora avanti programmi come Grande Fratello, l’isola dei famosi, nudi e crudi o La Durso H24 in diretta per non parlare di altri programmi che fanno sciacallaggio sulle tragedie che avvengono quotidianamente solo per un loro tornaconto,senza aver scopo o significato… A me stupisce di più che si perda tempo a scrivere colonne di articoli di giornale su questa storia, a dedicare interi programmi a questa presunta guerra tra favorevoli o contrari a Zalone e alla sua presunta fortuna/bravura.

Io il film di Zalone non lo voglio vedere anche se tutti ne parlano e polemizzano, io volevo vedere il Macbeth!
Ed anche questa volta mi toccherà trovare un cinema che mi fa il piacere di mettere in programmazione il film che vorrei vedere,altrimenti rimarrò qui,discriminata e messa da parte da una società che non si rende nemmeno conto di quanto sia vittima di una strumentalizzazione mediatica infida e assai penetrante che passa dal film per arrivare anche a ben altro. E qui chiudo ché sennò andrei fuori tema.
(Ecco alla fine la polemica l’ho fatta lo stesso e l’analisi sprezzante della società anche!)

web

Annunci

35 pensieri su “Ritorno con il mio cipiglio guerrafondaio

  1. Comprendo e condivido ciò che scrivi, penso che la pubblicità che è stata fatta a quo vado? sia come minimo esagerata… ad ogni telegiornale si aggiornano le statistiche come fosse il film del secolo… e non capisco perché si dia tanta importanza a chi ama e chi odia zalone, e non magari chi ama e chi odia un qualsiasi altro personaggio… ognuno è libero di pensare ciò che vuole, detto questo hai ragione ad indignarti! Troverai il cinema che ti soddisfa, quo vado? non è da vedere per forza 😉

    Mi piace

    • Spero di riuscire a raggiungere il cinema che proietta il Macbeth. È che avendo la comodità nella mia città mi scoccia dover andare lontano o perdere film per via di difficoltà di spostamento e impegni. Sono contenta che tu sia d’accordo con me, delle volte penso di essere io la strana che si indigna senza motivo. Il mondo ultimamente si concentra su “notizie” assurde e perde di vista le cose importanti.

      Liked by 1 persona

    • Ah si anche. Alla fine se si cerca bene si trova anche in streaming. È che trovo assurde certe scelte commerciali o il dovermi spostare e andare chissà dove per vedere i film che mi interessano quando poi vicino casa proiettano le peggiori cose. Si potrebbe fare un po’ ciascuno e mettere d’accordo tutti. 😛

      Liked by 1 persona

  2. Non ho mai visto un suo film, non mi ha mai fatta ridere ma raramente i comici maschi mi fanno ridere. Concordo con quanto dici, ne stanno facendo un affare di stato e la gente ci casca o a difenderlo o a criticarlo e questo mi sembra un ottimo motivo per non andarlo a vedere. Io vorrei vedere Carol!

    Liked by 1 persona

    • Invece per quanto mi riguarda Le donne comiche che “seguo” sono meno rispetto agli uomini. Non ci avevo Mai pensato prima!
      Ad ogni modo questo film non mi interessa,assolutamente. Non capisco il perché di tanto clamore quando poi ci sono film belli e di successo che non vengono considerati mai. Ma soprattutto non mi spiego perche’ Macbeth non sia in programmazione!!
      Carol non ho visto il trailer ho solo letto qualcosa a riguardo.

      Mi piace

  3. Personalmente scanso ogni polemica e con una scrollata di spalle dico: “la gente ha bisogno di ridere” solo che poi mi chiedo… Ride veramente? 😳
    A me non mi fa né caldo né freddo… Semplicemente non mi importa. Però comprendo il tuo disappunto 😔 Volevi vedere un’altra cosa e non è stato possibile… Io ho visto “il piccolo principe” Bellissimo 😍
    Buona giornata 😘

    Liked by 1 persona

  4. Erik ha detto:

    ormai quando guardo o penso al cinema, specialmente ai multisala mi sale sempre la malinconia… un occasione sprecata troppo spesso di accrescere la visione e di condividere le emozioni in nome della gara al sold out…

    Mi piace

    • Hai ragione!
      Ricordo che la prima volta che aprirono il multisala ero estasiata: facevo ancora le elementari e qui avevamo solo un cinema/teatro ovviamente a sala unica. In questo multisala negli anni ho visto capolavori,versato lacrime silenziose nel buio delle loro sale, riso tantissimo e qualche volta ho scelto anche pessimi film pentendomene. Però da qualche anno a questa parte lo frequento sempre meno e sono sempre più contrariata per via delle loro scelte di gestione e programmazione: ha perso di interesse e il tutto per questioni e scelte economicamente favorevoli dal loro punto di vista.

      Liked by 1 persona

      • Erik ha detto:

        esatto, l’arte, l’emozione, la profondità non si potranno mai misurare economicamente… e altrettanto commercialmente non si possono trattare perchè oltre ad esser soggettive sono contrarie, proprio per la loro unicità, a tutti i principi di massa… ma senza economia non si può produrre e diffondere arte ed emozione su larga scala, non è concesso all’umanità perchè ne renderebbe futile la gestione del potere e dei potenti.. ma ho divagato, come al solito, chiedo la grazia… 🙂

        Liked by 1 persona

    • In effetti magra consolazione…Anche se non lo sapevo che non stava piacendo!
      Mi sarebbe piaciuto potermi annoiare o lamentare di un pessimo film scelto. Insomma a mio rischio e pericolo ma comunque sarei stata contenta di aver potuto decidere cosa vedere!

      Mi piace

    • Lo so che lo fanno per una questione di guadagni… Però nemmeno una proiezione al giorno del Macbeth mi pare assurdo. Potrebbero guadagnare lo stesso dando possibilità a tutti di vedere ciò che le programmazioni nazionali propongono.Il mio biglietto sarebbe stato pagato proprio come quello per vedere Zalone , in fin dei conti! Però capisco che loro fanno considerazioni differenti

      Mi piace

      • si, ma macbeth, purtroppo, non da certezza che riempia la sala, zalone si. tra l’altro devo ancora vederli entrambi… ora che ci penso, malgrado sia pugliese e seguivo Zalone ad inizio carriera, ne ho visto solo uno dei suoi film

        Mi piace

      • Si mi rendo conto che il pubblico di Zalone sarebbe imbattibile..
        Io tranne l’ultimo uscito li ho visti i suoi film: dal primo in poi c’è stata una brusca discesa, a gusto mio. Lo trovavo più divertente nella prima pellicola rispetto alle altre.

        Mi piace

      • beh, tutti i comici, nei loro film, trovi una parabola discendente… vuoi perché manca l’effetto sorpresa e novità, vuoi perché si tende a spremere la gallina dalle uova d’oro, senza dar tempo di decantare. Il primo Aldo, Giovanni e Giacomo mi è piaciuto tantissimo, gli altri non mi hanno mai fatto ridere, finché non ho smesso di vedere i loro film. Idem Salemme, lo adoro in teatro o in tv, ma al cinema non riesce più a farmi ridere… e così via.

        Mi piace

      • E’ vero è una cosa comune a molti. Probabilmente anche noi da spettatori ci aspettiamo di ridere sempre come la prima volta se non di più per cui siamo sempre più difficili da soddisfare… Poi cadere nell’ovvio e nell’ironia forzata e fastidiosa è facilissimo.

        Mi piace

  5. Purtroppo il guadagno docet! Da me un multisala con 6 sale ha relegato Macbeth alle ultime proiezioni nelle due sale più piccole… non ti dico il dispiacere… alla fine non sono ancora andata a vederlo!
    Per fortuna tra poco più di un mese un cinema indipendente lo ripropone in originale! Non vedo l’ora (e nel frattempo continuo a cercare) 😊

    Mi piace

    • Almeno hai una possibilità di scelta, seppur minima! 😉
      Io ancora non sono riuscita a vederlo, non guidando ho poche possibilità di andare in cinema differenti da quello che ho vicino casa.. AAAAAH quella patente presa e non utilizzata! 😛

      Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...