Prime impressioni

La regola dice”mai giudicare un libro dalla copertina” , ma si sa, la prima impressione è pur sempre quella che conta.
Non so dirvi come si acquisisce: nel momento del primo incrocio di sguardi? Alla presentazione?  Dopo i primi minuti di conversazione? O forse a fine serata? Ecco non lo so proprio. Ed è per questo forse che non so come ci si prepara per superare al meglio questo ”test”: non so se è importante l’outfit o di più l’acconciatura; se è meglio sembrare chiacchieroni oppure misteriosi; se fare i socievoli o no; se dare subito confidenza o evitare… Sarà per questo che quasi mi scoccia conoscere nuove persone e che quando accade non punto su niente in particolare se non sulla spontaneità del momento. Non so cosa può piacere agli altri ma so cosa piace e non piace a me: quelle persone troppo ‘perfette’ in situazioni costruite mi annoiano subito. Io dico Sì alla spontaneità della prima impressione e , perché no, anche all’imprevedibilitá 🙂
Voi che dite?

Annunci

4 pensieri su “Prime impressioni

  1. oh si è proprio vero..ammetto che per i libri io mi lascio, molto spesso,attirare dalla copertina e dal titolo..! Lo stesso è con le persone..Solitamente la prima impressione che ho di una persona è poi quella che continuo ad avere e, devo dire, che spesso ci azzecco., però siamo essere umani e capita di sbagliarci. A volte ho cambiato opinione su una persona (da una negativa a una positiva)..ma se c’è qualcosa che non mi convince, come se avessi un tarlo, come un fastidio che mi dice che c’è qualcosa che non mi torna..do ascolto a questa mia sensazione. Non so se sia un sesto senso o semplicemente l’istinto che mi mette in guardia.

    Mi piace

    • Bello questa sorta di sesto senso che hai… Io fino a poco tempo fa ero convinta di potermela cavare più o meno bene con le prime impressioni senza doverci più tornare sopra. Eppure in più di una occasione mi sono sbagliata,ho giudicato positive persone che non lo erano affatto e ormai non mi fido più molto del mio giudizio, per questo dico che adoro l’imprevidibilità delle prime impressioni: non ho più certezze,non so più dire come andrà a finire dopo il primo incontro. Gli sbagli si pagano, ma ancor più le fregature pesano.

      Mi piace

      • Penso che una dose di imprevedibilità ci serva sempre.. per dare un po’ si “pepe” alla vita, ma anche per far sì che non ci “addormenti” mai, per essere sempre pronti a rimettersi in gioco e a ri-considerare le persone sotto punti di vista diversi.
        Ci sono sempre i secondi, e i terzi.. incontri per cambiare idea! 🙂

        Mi piace

  2. eh si, l’imprevedibilità fa sì che non ci si adagi. La prime impressione si crea quasi in automatico, sta a noi sfruttare al meglio gli altri incontri! Diciamo che è un continuo allenamento, male non fa 🙂

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...